COMUNE DI CHIONS

Conserva ancora le strutture ortogonali delle vie e dei campi tipiche delle opere di ingegneria agraria e stradale romana, il comune di Chions. Sono questi, infatti, i luoghi della centuriazione dell’Agro di Julia Concordia, antico riordino fondiario realizzato a partire dal 41 a.C. tra il Livenza e il Tagliamento per  concedere un appezzamento di terra su cui vivere e lavorare ai tanti soldati veterani, reduci di guerra.

Di quell’epoca antica, Chions ha conservato una vocazione agricola che si fonde con un sentimento religioso testimoniato dai tanti esempi di devozione popolare che prendono forma negli affreschi, sui muri delle case, nelle edicole e capitelli, nelle numerose chiese.

La torre medievale degli Sbrojavacca resta quale segno e simbolo della potenza esercitata un tempo dalla nobile famiglia. Oggi come allora, restano intatti e inalterati gli ambienti naturali: a Villotta vive rigogliosa una Sophora Japonica, pianta ultracentenaria di origine asiatica.

Storia

Certamente abitata dall'uomo in epoca preistorica e celtica e anche precedente, per la ricchezza del terreno e l'abbondanza di acque, Chions diviene successivamente un’importante colonia romana. I primi  insediamenti documentabili risalgono alla centuriazione dell'"Agro di Julia Concordia" effettuata nel 41 a. C. per compensare i reduci della battaglia di Filippi con appezzamenti di terreno con i quali vivere in pace dopo tanti anni di cruenti combattimenti.

Chions e le sue frazioni si formano dopo il passaggio delle invasioni barbariche. Tra il Tre e il Quattrocento fu feudo dei Panigai. Passata poi alla Serenissima come tutto il Friuli, Chions vive un periodo di relativa tranquillità, interrotta nella seconda metà del Cinquecento da una disputa internazionale tra casate e governi.

Fino alla fine della Repubblica di Venezia, ognuno dei cinque paesi che attualmente la compongono, Basedo, Chions, Taiedo, Torrate e Villotta,ha una storia sua propria, ìspesso staccata da quella degli altri.

L' attuale entità territoriale del Comune di Chions, come unico soggetto amministrativo risale all'inizio dell'Ottocento, con la seconda occupazione napoleonica, per poi rinsaldarsi con l'amministrazione austriaca.

Approfondisci sul sito del Comune di Chions

 

Centro storico

Percorsi

La chiesa, databile al 1400 e consacrata nel 1538, ha subito nei secoli una serie di ristrutturazioni.  È dedicata a San Giorgio, figura riprodotta nell’affresco sopra il portale, databile al 1925...

Percorsi

La villa, risalente al XIX secolo, si sviluppa su tre piani, segnati in facciata da marcapiani, che separano le finestre rettangolari disposte con regolarità a lato della porta d’ingresso...

Percorsi

La chiesa dei Santi Ermacora e Fortunato è l’unico edificio di culto dedicato ai fondatori della Chiesa di Aquileia nel Friuli occidentale. I numerosi reperti di epoca romana trovati nella zona...

Manifestazioni principali

Manifestazioni

Chions in fiore

Annuale mercato di fiori, piante e animali con incontri culturali e approfondimenti, figuranti, musici e artisti di...

Da non perdere

Percorsi

La chiesa di San Bartolomeo a Basedo, frazione di Chions, fu costruita verso il 1350 e dedicata a San Bartolomeo, uno dei dodici apostoli.

La struttura esternamente è...

Percorsi

Il castello che si trova nella frazione di Torrate, era di proprietà della famiglia Sbrojavacca, casato ricco e potente, che già nel corso del Duecento aveva alto prestigio nella Patria del Friuli...

Percorsi

Il complesso di Villa Morassutti, sito a Villotta di Chions, risale alla seconda metà del XVIII secolo, ma sono leggibili anche interventi successivi, quando compare il termine...

Informazioni

Come arrivare