COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA

Alle radici del vino, dove le viti gettano i primi germogli cercando avide l’acqua tra le pietre delle terre aride e sassose. Virgulti dai cui frutti si ricava il prezioso nettare di Bacco. Iniziata ai tempi della Prima guerra mondiale, ora nei Vivai cooperativi di Rauscedo si produce la più grande quantità mondiale di barbatelle, piantine che grazie alla selezione genetica compiuta in loco, danno origine a prestigiosi vigneti presenti in ogni nazione.

 

Storia

A causa della sua particolare posizione, posta fra i greti dei fiumi Meduna, Tagliamento e Cosa, San Giorgio (che, prima dell'anno 1000, era un'entità a sé rispetto a Richinvelda) è stato teatro di sconti fra fazioni opposte in guerra per il controllo del territorio.

Nel 1350, fu teatro di un incidente gravissimo, l'uccisione in imboscata del Patriarca d'Aquileia Bertrando, nel luogo dove ora sorge la Chiesa di San Nicolò.

Centro storico

Percorsi

Risalente al XIV secolo, sorge sul luogo dove, nel 1350, venne ucciso in un'imboscata dei feudatari ribelli il Patriarca d'Aquileia Bertrando.

La chiesa conserva al proprio interno un...

Da non perdere

Percorsi

In una vecchia stalla riadattata della frazione di Pozzo di San Giorgio della Richinvelda si trova questo Museo della civiltà contadina. Nato da...

Percorsi

La provincia della Destra Tagliamento è famosa in tutto il mondo per le barbatelle (piante del vino). Gli oltre 250 vivaisti, con i loro 70 milioni di innesti-talea l’anno, coltivano più

...

Informazioni

San Giorgio della Richinvelda
33075
http://www.richinvelda.it

Come arrivare